Parrocchia Cristo Re - Diocesi Rossano Cariati


Vai ai contenuti

Menu principale:


25esimo don mose

Il Parroco

CARIATI HA FESTEGGIATO I 25 ANNI DI SACERDOZIO DI DON MOSÈ
“Spero di aver lasciato un segno nel cuore di tutti”


di
Maria Scorpiniti

CARIATI – “Se mi volto indietro, non vedo che errori, ma coloro che mi hanno circondato, con me, hanno fatto grandi cose. Spero di aver lasciato un segno nel cuore di tutti e di aver fatto tutto ciò che era nelle mie possibilità”. Sono alcuni passaggi dell’intervento commosso di Mosè Cariati, parroco della chiesa Cristo Re, che giovedì scorso ha festeggiato 25 anni di ordinazione sacerdotale. A fargli da corona tantissimi confratelli, giunti anche da altre diocesi e da fuori regione, i quali hanno concelebrato l’eucarestia insieme con l’arcivescovo di Rossano - Cariati, Giuseppe Satriano. In chiesa anche moltissimi fedeli, le autorità civili e militari, i familiari e tanti amici.
L’Arcivescovo, nel corso dell’omelia, ha delineato le caratteristiche del sacerdote e ha invitato i presbiteri a seguire l’esempio di don Alessandro Vitetti, di cui è in corso il processo di Beatificazione, che ha dedicato la sua vita all’ascolto delle persone e alla preghiera. “Ti auguro di essere un sacerdote che vive nel cuore di Dio, come don Vitetti – ha detto Satriano al festeggiato – e di continuare ad essere piccolo, mettendo da parte l’orgoglio e la presunzione, rinnovando ogni giorno la tua adesione a Cristo; siamo grati per quello che hai saputo tratteggiare, con la tua simpatia e il tuo zelo, nel cuore di tanta gente e nel presbiterio”. Tra le tante cose realizzate da don Mosè a servizio del territorio, c’è la costruzione della nuova chiesa di contrada Tramonti, aperta al culto nell’aprile scorso.
Gratitudine per il suo ministero fecondo e generoso è stata espressa anche da Gianfranco Arcudi, in rappresentanza del Consiglio Pastorale, che ha definito don Mosè “un amico che ci guarda e ci sprona, a volte in maniera dura, a camminare sulla retta via, che non ha disdegnato a rimboccarsi le maniche per edificare una chiesa di uomini”. Un sacerdote vicino ai bisogni della gente, ha aggiunto il vicesindaco Sergio Salvati, sempre presente nei momenti importanti della vita di tanti giovani, hanno esordito Rossella Critelli e Gesualdo Grillo a nome dei gruppi giovanili.
Don Mosè, nativo di Longobucco, ha compiuto gli studi teologici al Pio X di Catanzaro; ordinato sacerdote il 29 dicembre 1991 per mano dell’allora arcivescovo Serafino Sprovieri, è stato vicedirettore del seminario arcivescovile di Rossano, per 13 anni parroco a San Giovanni Battista in Mirto Crosia e dal 2007 a Cristo Re. La sua opera sociale che abbraccia vari settori: famiglie, giovani, ammalati, bambini, con una cura particolare all’evangelizzazione e alle iniziative di solidarietà in favore degli emarginati e degli immigrati. Nei locali parrocchiali, ha aperto una mensa dei poveri, un banco alimentare e un centro d’ascolto.



IndietroPlayAvanti

Torna ai contenuti | Torna al menu