Parrocchia Cristo Re - Diocesi Rossano Cariati


Vai ai contenuti

Menu principale:


Comunicato stampa in occasione della Porta Santa di Cariati

L'arcivescovo > Messaggi e comunicati dell'arcivescovo > 2015

Comunicato stampa


Arcidiocesi Rossano-Cariati
Curia Arcivescovile


Rossano, 19.12.2015

In occasione dell’apertura della Porta Santa della Misericordia, oggi 19 dicembre 2015 in Cariati e giorno 23 dicembre 2015 a Spezzano Albanese, l’Arcivescovo della Diocesi di Rossano-Cariati, mons. Giuseppe Satriano, dichiara Luoghi privilegiati di Misericordia gli Ospedali di Cariati, Corigliano e Rossano. Inoltre la mattina del 23 dicembre, alle 10, presso il Carcere di Rossano, celebrerà l’Eucarestia aprendone la Porta Santa presso la cappella dello stesso.
Con tale atto, in sintonia con quanto già espresso dal Santo Padre, l’Arcivescovo intende ribadire il valore assoluto che hanno questi luoghi, per vivere con profitto umano e spirituale l’anno giubilare in corso.
Egli ribadisce che: “tutti siamo chiamati a rendere tali
spazi della nostra umanità ferita, spazi sacri, luoghi privilegiati in cui sperimentare la misericordia, non solo come esperienza religiosa, ma anche come profonda e significativa esperienza umana e di civiltà.
In un momento delicato in cui ragioni economiche ed interessi politici, spesso minano la reale centralità della persona, si vuole sottolineare come anche il nostro territorio, impoverito e scippato da percorsi pensati a misura dei bisogni delle nostre popolazioni, debba essere maggiormente oggetto di cura e attenzione.
Parlare di misericordia, oggi più che mai, diviene imperativo etico anche per le istituzioni preposte a livello locale, provinciale e regionale per attuare significative soluzioni che abbiano al centro i bisogni della gente e non solo speculative lottizzazioni di vario genere.
Si auspica che questo momento storico possa attestarsi come sussulto di speranza per ciascuno, soprattutto per chi è nella sofferenza del vivere”.



Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu